Adorazione Eucaristica Perpetua

Confraternita

Archivio Video

J!Analytics


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

La Storia

coro 0014

 

 

 

 IL CORO PARROCCHIALE S. MARIA INCORONATA

Il coro è nato in modo piuttosto inconsueto: non per iniziativa di un parroco, né per un progetto di un cultore della musica, né – come spesso accade – dall'idea di alcuni giovani, di solito più entusiasti e intraprendenti degli adulti.

Si era ai primi giorni di dicembre del 2011, durante la novena dell'Immacolata, quando si trovarono a cantare nella Messa pochissime persone. Qualcuno fece una considerazione: Siamo troppo pochi. Non possiamo invitare qualche altro ad animare la Messa? E così fu fatto. Alcuni, sollecitati, si mostrarono un po' restii (Non abbiamo mai cantato!); altri si dichiararono subito interessati. Se ne parlò con il Parroco don Antonino Cento che accolse favorevolmente l'iniziativa dando tutto il suo appoggio.

Si formò così un gruppo un po' più numeroso. C'era bisogno di qualcuno esperto: non c'era di meglio di Giacomo Celeste, buon conoscitore della musica, con una lunga esperienza nel canto per aver fatto parte, anche come tenore solista, della prestigiosa Corale "Palestrina" del Maestro Eugenio Arena.

Si cominciò con l'animazione della Messa domenicale con canti più semplici. Nel frattempo l'esempio

di quel piccolo gruppo fu contagioso e tanti altri, spontaneamente o dietro invito, entrarono a farvi parte; compresi alcuni giovani, forse prima restii a unirsi agli "anziani". Oggi il coro è composto

da una cinquantina di persone che si impegnano con costanza e serietà nelle prove, con la consapevolezza di offrire un servizio importante alla Chiesa e di partecipare in modo più attivo alla liturgia.

Col passare del tempo il repertorio si è fatto più ricco e comprende sia il gregoriano (soprattutto la Messa "De Angelis"), sia canti moderni, scelti sempre tra quelli adatti alla liturgia e dotati di "sobria dignità", in conformità alle disposizioni del Concilio Vaticano II.

Grazie ad un impegno costante si è raggiunto un buon livello nelle esecuzioni, tanto

da indurre i coristi ad affrontare testi più complessi e ad acquisire consapevolezza delle proprie potenzialità. Il buon accoglimento di due concerti natalizi li ha incoraggiati ad uscire fuori del territorio parrocchiale.

Nel gennaio del 2013 hanno partecipato, con un lusinghiero successo, al "Primo raduno di cori parrocchiali diocesani" svoltosi nel santuario della Madonna di Pompei in Messina ed a partecipare al Convegno-pellegrinaggio "Cantare la fede" tenuto a Roma, alla presenza di Papa Francesco, nei giorni 26-28 settembre 2014.

Oltre ai risultati sopra accennati, è da evidenziare un fatto solo apparentemente marginale. La frequenza degli incontri per le prove ha portato a un clima di familiarità tra i coristi, che hanno preso l'abitudine di riunirsi per momenti di convivialità; fatto molto positivo in quanto favorisce quella comunione tra i membri della Chiesa tante volte raccomandata da Papa Francesco.

Una notazione importante.

Il coro non è nato in un terreno arido, ma nel solco di una antica tradizione che porta il nome di

Padre Letterio Ruggeri, parroco di Camaro Superiore per 54 anni. Esperto musicista e cultore appassionato del Gregoriano, subito dopo la seconda guerra mondiale ha costituito una Corale molto stimata per decenni nel territorio diocesano. Ha dotato la chiesa di un organo a canne fra i migliori di Messina ed ebbe cura che non mancassero organisti (da lui stesso istruiti, o indirizzati ad un altro maestro), tra i quali lo stesso Giacomo Celeste. Anche quando, per motivi di salute, non poté più interessarsi personalmente, non mancò mai un coro a sostegno della liturgia, guidato sino alla sua

morte da Felice Sturniolo.

La nuova Corale, mentre esprime un ringraziamento a Padre Cento per il suo sostegno, vuole essere

anche un omaggio a Padre Ruggeri e un grato ricordo alla sua memoria.

 

 

Come Raggiungerci

Seguici Su Facebook

Chi è online

 16 visitatori online